Paul Rodriguez

Q&A with Artists



Paul Rodriguez è cresciuto fuori Los Angeles, California e all’età di 10 anni ha ricevuto in dono la sua prima chitarra, vinta da suo padre durante una partita di poker. Questo gesto scatenò in Paul l’amore per la musica che continua a coltivare tutt’ora. Dopo alcuni anni di studio, imparò anche a suonare la tromba, il trombone, la tuba e il basso elettrico. Durante il suo percorso musicale ha appreso quella che considera un’abilità inestimabile: leggere e arrangiare la musica.
Durante il liceo Paul ha formato una band con alcuni compagni di classe e ricorda i primi concerti in cui suonavano “In-A-Gadda-Da-Vida” degli Iron Butterfly e “White Rabbit” dei Jefferson Airplane più e più volte perché erano le uniche canzoni che conoscevano. Man mano che il suo talento progrediva, arrangiava anche la musica per la sua jazz band del liceo e suonava la chitarra durante le messe domenicali. Poco dopo, Paul e tre membri della sua prima band formarono una band di 9 elementi chiamata The Trend. Paul era il principale arrangiatore, chitarrista e voce principale. Le cover che fecero di Chicago, Tower of Power e Blood, Sweat & Tears rimangono tutt’ora tra le sue canzoni preferite.
Paul era uno studente di musica al college quando ai The Trend fu offerto un tour negli Stati Uniti occidentali. Poco dopo, la band assunse un management professionale e firmò con la Capitol Records. Registrarono diverse canzoni e pubblicarono tre singoli con Paul come arrangiatore e co-autore dei brani. I Trend vennero recensiti su Tiger Beat Magazine, una rivista di musica molto in voga tra i giovani, descritti come una fresca band emergente dal gran potenziale. Aprirono per Kenny Rogers, First Edition, Anne Murray, Tony Orlando and Dawn, Dobie Gray, B.J. Thomas e altri famosi artisti pop dell’epoca. La mancanza di promozione da parte della Capitol portò alla scomparsa dei The Trend, ma i membri della band sono rimasti amici fino ad oggi.
Più tardi Paul si trasferì a Santa Rosa, California, dove iniziò a scrivere alcune canzoni e avviò uno studio di registrazione. Si stava facendo un nome come solista e come leader di una band e sentiva una forte spinta a suonare a tempo pieno. Presto gli fu offerto un contratto di 4 mesi come parte di un quartetto con piano, basso e batteria su una nave da crociera. Lasciò il suo lavoro e passò l’estate cantando e suonando melodie del repertorio popolare americano navigando tra le isole dei Caraibi. Fu lì che incontrò la sua futura moglie, Nancy, anche lei un’artista sulla nave. Uno dei momenti salienti dell’avventura in crociera fu quando Tony Bennett entrò nella sala dove la band si stava esibendo. Paul ebbe un sussulto quando cantò “I Left My Heart In San Francisco” mentre il signor Bennett ascoltava da pochi metri di distanza.
Qualche anno dopo Nancy raggiunse Paul in California e la loro vita fu piena di musica. Crearono una cover band di 8 elementi chiamata Higher Ground, un duo sax/chitarra e un quartetto, e suonarono in locali da ballo, cantine, matrimoni e ristoranti. Paul si unì anche ai Crystal Wind, una band “New Age” che registrò l’album Inner Traveler.
Una delle esperienze preferite di Paul in quel periodo fu scrivere la colonna sonora per uno speciale televisivo dei Peanuts chiamato “It’s the Girl In The Red Truck, Charlie Brown”. La scrittura e l’arrangiamento per l’animazione combinata all’azione dal vivo era una sfida eccitante. Paul ha imparato molto e si è divertito molto a lavorare con il creatore dei Peanuts Charles Schulz e con il produttore e capo animatore Bill Melendez.
Paul e Nancy si trasferirono poi a Los Angeles dove Paul divenne direttore musicale per una chiesa interreligiosa. Mentre era lì, scrisse molti brani strumentali sentiti e ispiratori per il loro culto domenicale e, con Nancy, creò un quartetto a cappella chiamato Eclectica. Uno dei vantaggi di vivere a Los Angeles è stato quando sia a Paul che a Nancy è stato chiesto di far parte di un coro che cantava per Barbra Streisand alla Convention Nazionale Democratica del 2000 a Los Angeles, un ricordo divertente!
Alla fine Paul, Nancy e la loro figlia Sarah si sono trasferiti dall’altra parte del paese in una città vicino a Boston, Massachusetts, dove Nancy è cresciuta. Sulla costa orientale Paul ha continuato a contattare musicisti di talento e a creare gruppi per soddisfare il suo amore per le esibizioni. Paul dice: “Quando l’artista e il pubblico si connettono, c’è una magia che accade. Questo è ciò che amo nel fare ed eseguire musica. Forse deriva dall’essere un bambino timido. Penso che la musica sia diventata il mio modo di connettermi con la gente”.
La Paul Rodriguez Band si è formata con l’intenzione di fare canzoni che richiedono un livello di musicalità che la maggior parte delle cover band locali non hanno e Polarized Guru nasce dall’amore di Paul per il jazz e la musica fusion. Lo scopo della band era quello di vedere fino a che punto i musicisti potevano spingersi per suonare quelle canzoni che ammiravano ma che non avevano le capacità per suonare (ancora). I Guru sono diventati una band stellare con musicisti magistrali che si impegnano a migliorare la musicalità e a scrivere canzoni originali che li sfidano. Paul è sempre stato ispirato da artisti di alto livello. È ciò che lo spinge a fare la sua musica al meglio.
Ai Polarized Guru è capitato di suonare un concerto nel cortile di casa una domenica di agosto del 2017 quando uno sconosciuto si è avvicinato per ascoltare la band. Il suo nome era Mark Mazzetti, un produttore A&R indipendente con molti anni di esperienza di lavoro alla A&M Records di Los Angeles e proprietario della Record Company in a Box. Tra i suoi clienti ci sono Janet Jackson, John Mayer e Aaron Neville. Mark si era appena trasferito da Los Angeles in una casa in fondo alla strada. Sentì la musica e si avvicinò per presentarsi.
Anche se fu il suono dei Polarized Guru a catturare la sua attenzione, nei mesi successivi fu la carriera di Paul a interessare maggiormente Mark. I due iniziarono una collaborazione che portò alla creazione del primo album di Paul con 7 brani originali. È stato registrato ai Red 13 Studios di Framingham, Massachusetts, e Paul è stato firmato da Rehegoo Music nel marzo del 2020. Paul e Mark hanno promosso l’album per le licenze mentre Rehegoo copre il mercato dello streaming.
Mentre Paul continua a scrivere, cantare e suonare il proprio materiale c’è un messaggio che spera di trasmettere con la sua musica? “Assolutamente sì! Che persone diverse possono imparare a capirsi e ad amarsi attraverso la musica”.

Come descriveresti il tuo stile?
Pop tradizionale con un po’ di rock, jazz e influenze latine.

Perché fai quello che fai?
Non posso farci niente! Dall’età di 10 anni, ho sempre avuto una chitarra in mano e una canzone nella mia voce. Amo la musica e non so dove sarei senza di essa.

Ambito o talento: cosa conta di più per te?
Dovrebbe essere prima il talento. Sarei imbarazzato se la mia ambizione guidasse un me meno talentuoso.

Cosa ti ispira a creare musica?
Ascoltando musica registrata e guardando una performance dal vivo. Il mio spirito si accende quando ascolto altri artisti.

Come hai trovato il processo di scouting in Rehegoo?
Il mio manager Mark Mazzetti è totalmente responsabile dell’introduzione della mia musica in Rehegoo.

Come ti sei sentito quando hai firmato un contratto con Rehegoo?
In cima al mondo!

Qual è il più grande risultato della tua carriera finora?
Scrivere ed eseguire la colonna sonora di uno speciale televisivo dei Peanuts chiamato “It’s the Girl In The Red Truck, Charlie Brown”.
Lavorare con il creatore dei Peanuts Charles Schulz e il produttore/animatore capo Bill Melendez è stata una vera emozione.

Qual è il migliore e il peggiore concerto che hai fatto?
Ci sono due concerti migliori. Ho suonato su una nave da crociera con un quartetto per quattro mesi nel 1982 (è dove ho incontrato la mia futura moglie, Nancy). Inoltre, la mia vecchia band chiamata The Trend ha suonato all’Hawaiian Hut a Waikiki, Hawaii, negli anni ’70 per quattro mesi. Suonavamo sei sere a settimana, cinque ore a sera, e c’era sempre un’enorme fila di gente che aspettava di entrare.

Il peggior concerto che ho fatto è stato in un club a Oakland, in California. Ero stato ingaggiato per suonare con un gruppo R&B. Mi aspettavo di avere musica da leggere. Si aspettavano che conoscessi già tutte le canzoni. Ne conoscevo alcune, ma per la maggior parte del tempo ho fatto finta di suonare. La band era arrabbiata con me per tutta la sera. Mi sentivo alto due pollici.

Qual è il tuo peggior e miglior momento da fan?
Il mio peggior momento da fan è stato quando stavo suonando un concerto da solista, una donna ubriaca ha insistito per cantare l’armonia con me. Non era una cantante a tutti gli effetti, ma era insistente. Alla fine è svenuta.
Il mio miglior momento da fan? Tutti gli altri. Sono sempre così grato che la gente ascolti la mia musica e diventi fan.

Qual è la tua canzone preferita tra quelle che hai scritto?
ONE. È una canzone che si è scritta da sola e questo non è forse vero per molte grandi canzoni? L’ho scritta in un periodo in cui non stavo scrivendo molte canzoni, quindi è stata più una sorpresa. C’è una semplicità nella melodia che funziona così bene con il testo. E naturalmente è una canzone d’amore per mia moglie, la mia più grande ispirazione.

Scopri di più su Paul:
Website: http://www.paulrodriguez.net/
Facebook: https://www.facebook.com/PaulRodriguezTheMusician
Instagram: https://www.instagram.com/paulrodriguezmusician/
YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCaWs274n3E0GKezyxtHItGw